Gioco online e conseguenze del lock-down - Progetto Milano NoSlot

Gioco online e conseguenze del lock-down

 Gioco online e conseguenze del lock-down

Nonostante le prime stime, il periodo di lockdown e, quindi, la chiusura del gioco d’azzardo tradizionale, ha peggiorato le condizioni dei giocatori. Infatti, l’isolamento ha creato un maggior numero di giocatori online, e causato gravi crisi d’astinenza.

Lo psicoterapeuta Fabrizio Fanella, dell’Osservatorio regionale Lazio su gioco d’azzardo patologico e direttore del Centro Riabilitativo per le Dipendenze “La Promessa” di Roma, afferma: «Vi è stato in queste settimane un aumento forte del gioco online, la solitudine ha provocato peggioramenti nelle persone dipendenti dal gioco e un incremento esponenziale del consumo di alcol. Nell’immediato futuro faremo i conti con questi effetti psicologici del lock-down».

In Italia, si contano un milione e trecentomila persone affette da GAP (gioco d’azzardo patologico) e, in questo periodo, c’è stato un esponenziale aumento delle richieste di aiuto registrate dall’Istituto Superiore di Sanità. Una buona parte di queste richieste deriva dai familiari che, costretti ad una convivenza 24 ore su 24, hanno preso maggior consapevolezza della dipendenza dei loro conviventi. L’ISS infatti, afferma: “L’impossibilità di giocare d’azzardo per una persona con un disturbo specifico può causare un aumento del livello di stress, inquietudine, aggressività, disturbi del sonno al punto tale da inasprire le relazioni di convivenza”. Si tratta, quindi, di una grave emergenza sanitaria, che riguarda i giocatori e le proprie famiglie e che costa al SSN circa 7 miliari di euro l’anno.

Milano No-Slot può essere d’aiuto a giocatori e familiari in qualsiasi aspetto della lotta a questa grave malattia. La nostra Help Line non si ferma.

Avatar

Noslot