Telefono Donna

telefono donna

 

 

 

 

 

 

Telefono Donna è nato l’ 8 marzo 1992 a Milano, per iniziativa di Stefania Bartoccetti con l’intento di  offrire un centro di ascolto e di consulenza per la donna e la famiglia in difficoltà.

E’ un’organizzazione di volontariato che può contare sulla consulenza fornita da esperti nei più vari settori professionali e culturali ed in particolare: psicologi, sociologi, medici, avvocati, commercialisti, assistenti sociali, consulenti familiari, counselor, tutti disponibili a una collaborazione competente e professionale.

Oltre 91.300 casi, in tutta Italia, sono stati risolti grazie all’intervento delle operatrici del servizio.

Per l’impegno profuso, Telefono Donna ha ricevuto l’attestato di Benemerenza Civica dal Comune di Milano. È una Onlus, iscritta al Registro Comunale delle Associazioni Sociali, al Registro Generale Regionale delle Associazioni di Volontariato e di Solidarietà Familiare (l.r.l./2008), fa parte del C.N.D.I. (Consiglio Nazionale Donne Italiane) ed è affiliato al Conseil International des Femmes (ONU).

Telefono donna si occupa in particolare di fornire aiuto e protezione alle donne vittime di violenza e ai loro figli minori mettendo a disposizione servizi specializzati. Fa parte della Rete Antiviolenza del Comune di Milano, è riconosciuto Centro Antiviolenza dalla Regione Lombardia ed è collegato al numero nazionale di Pubblica Utilità 1522.

CHE COSA FACCIAMO 

L’associazione, presente da oltre 23 anni sul territorio lombardo, offre una consolidata esperienza di impegno a livello di volontariato, oltre a quello legato a interventi sociali e sanitari ad alto contenuto professionale. Numerosi sono stati e sono gli interventi a sostegno delle famiglie, delle donne, dei giovani e degli adolescenti con iniziative di sensibilizzazione promosse nelle scuole, di collaborazione stretta con ASL e strutture ospedaliere, con soggetti e organizzazioni del mondo del lavoro e dell’impresa.

Telefono Donna offre gratuitamente alle donne vittime di violenza i seguenti servizi:

  1. ASCOLTO COMPETENTE: colloqui telefonici e/o vis a vis preliminari presso la sede o in altri luoghi concordati con la donna per individuare i primi bisogni e fornire le informazioni essenziali e utili nell’immediato.
  2. ACCOGLIENZA: protezione e accoglienza alle donne vittime di violenza a seguito di colloqui strutturali volti ad elaborare e a condividere percorsi individuali di accompagnamento mediante un progetto personalizzato di fuoriuscita dalla violenza valorizzando la relazione empatica e non giudicante tra donne.
  3. ASSISTENZA PSICOLOGICA: supporto psicologico individuale e/o anche tramite gruppi di auto mutuo aiuto.
  4. ASSISTENZA LEGALE: colloqui di informazione, di orientamento, supporto di carattere legale sia in ambito civile che penale e informazione e aiuto per l’accesso al gratuito patrocinio
  5. SUPPORTO AI MINORI VITTIME DI VIOLENZA ASSISTITA
  6. ORIENTAMENTO AL LAVORO attraverso informazioni e contatti con i Servizi Sociali territoriali e con i Centri per l’Impiego per individuare percorsi di inclusione lavorativa verso l’autonomia economica.
  7. ORIENTAMENTO ALL’AUTONOMIA ABITATIVA e supporto nella ricerca attiva di un alloggio sostenibile.
  8. DEFINIZIONE CONDIVISA con la donna (nel rispetto delle proprie decisioni, tempi e modalità) di un PERCORSO PERSONALIZZATO di protezione, sostegno e di progressiva fuoriuscita dalla violenza:
  9. INTEGRAZIONE E RACCORDO CON I SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI TERRITORIALI DI BASE CHE ASSUMERANNO LA PRESA IN CARICO DELLA DONNA VITTIMA DI VIOLENZA:

A CHI CI RIVOLGIAMO

Telefono Donna accoglie e fornisce aiuto e sostegno alle donne provenienti da tutta Italia e ai loro figli minori. Ha attuato inoltre alcuni interventi specifici in ambito di prevenzione selettiva e riduzione del rischio, finalizzati a prevenire l’ingresso dei giovani in circuiti di dipendenza.

PERCHE’ LO FACCIAMO

La missione di Telefono Donna consiste nel lavorare contro la cultura dei pregiudizi, che sono spesso la causa dei maltrattamenti, fisici e psicologici, alle donne. Le professioniste dell’Associazione assicurano gli interventi necessari per uscire dalla situazione di difficoltà in cui si trovano. Le operatrici lavorano per ridare fiducia alle donne attraverso la conquista della propria autonomia e capacità.

Il contributo del Comune di Milano, la partecipazione a Bandi Regionali e Provinciali, l’apporto del volontariato, ivi incluso l’autofinanziamento e la capacità di attingere alle risorse non solo economiche che il territorio rende disponibili permette a Telefono Donna di erogare tutti i propri servizi a titolo completamente gratuito.

CHE COSA ABBIAMO FATTO

Nel 2012 Telefono Donna ha attivato, grazie al contributo di ASL Città di Milano e Regione Lombardia, sul territorio della città di Milano un progetto sperimentale in ambito di prevenzione selettiva e riduzione del rischio, finalizzato a prevenire l’ingresso dei giovani in circuiti di dipendenze. E’ stato realizzato un progetto analogo nel territorio magentino, grazie al contributo della Fondazione Ticino Olona, durante il quale sono stati effettuati interventi ad hoc attraverso una massiccia azione di contatto del più ampio numero di giovani e di persone potenziali consumatrici di sostanze che frequentano contesti di intrattenimento e attraverso azioni di aggancio anche precoce di adolescenti nei medesimi contesti, nei vari centri di incontro e nei luoghi di aggregazione, divertimento, connotati da situazioni di  “rischio”. E’ Attualmente in corso un progetto  di sensibilizzazione e di prevenzione dei rischi nell’ambito del divertimento serale e notturno (Co-progettazione Comune di Milano) che vede coinvolte le zone della “Movida Milanese” di Corso Como e Corso Garibaldi in collaborazione con Fondazione Somaschi.

RISULTATI

Per tutti i progetti realizzati è stata creata una mappa dei luoghi del divertimento notturno per poi evidenziare quelli maggiormente “a rischio”. Sono stati contattati e sensibilizzati i gestori dei locali, che diventano necessariamente parte attiva degli interventi.  Sono stati intercettati e coinvolti adolescenti e giovani nei contesti di divertimento al fine di informarli circa i rischi connessi all’uso di sostanze e al gioco d’azzardo e di effettuare azioni preventive che li vedano protagonisti.

Gli operatori hanno verificato che in alcuni luoghi, oltre alla presenza di un alto numero di giovani, si sono presentate anche delle buone condizioni per agganciare i giovani ed effettuare dei colloqui di approfondimento. Hanno influito positivamente sul lavoro degli operatori la disponibilità dei gestori e la location che questi hanno concesso loro, favorendo la qualità del colloquio e la disponibilità del giovani a entrare in relazione con l’operatore e aprirsi.

È stata creata una traccia di colloquio (Scheda-contatto) che ha consentito di effettuare colloqui maggiormente approfonditi con i giovani.

Inoltre, è stata adottata una modalità tesa a tracciare un profilo di rischio delle persone incontrate e a raggrupparli all’interno di tre principali macro-aree di rischio. Questo ha consentito di mettere in relazione il profilo di rischio con la tipologia di luogo e la zona in cui è avvenuto il contatto.

Sono state individuate tre macro-categorie a cui è stato assegnato un diverso “bollino”:

  • Bollino verde: profilo di rischio molto basso e giovane non ritenuto a rischio
  • Bollino giallo: profilo di rischio medio, giovane potenzialmente a rischio
  • Bollino rosso: profilo di rischio alto, giovane che utilizza continuativamente sostanze.

DATI DI CONTATTO 

Sede Legale: Piazza dell’Ospedale Maggiore, 3 20162 Milano

Recapiti telefonici: TEL. 02.6444.4006/8 FAX 02.6444.3042 CELL. 389 1980665

INDIRIZZO E-MAIL telefono.donna@tiscali.it

INDIRIZZO MAIL PEC   telefonodonnaonline@pec.it

Telefono Donna è aperto al pubblico dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.30 alle ore 17.30

Il servizio di reperibilità telefonica è garantito 24 h su 24 ai numeri:

02.6444.3043/44

02.366.688

REFERENTE PROGETTO

Stefania Bartoccetti

ISCRIZIONE AD ALBI

REGISTRO GENERALE REGIONALE DEL VOLONTARIATO

SEZ. PROVINCIALE DI MILANO

  1. ISCRIZIONE: PROGRESSIVO 46

PROVVEDIMENTO N°46 DEL 25/03/2002

REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETA’ FAMILIARE

  1. ISCRIZIONE: PROGRESSIVO 141

PROVVEDIMENTO N°28608 DEL 14/11/2000

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI REGIONE LOMBARDIA

  1. ISCRIZIONE: PROGRESSIVO 34

CODICE FISCALE  97094510159

1 Commento

Rispondi a Alessandra X