Progetto Milano NoSlot Osserva e Certifica

Logo_Noslot-quadrato

Direzione Centrale capofila: Direzione Centrale Attività Produttive e Marketing Territoriale, Settore Commercio, SUAP e Attività Produttive

Partner con portafoglio coinvolti: A77, Comunità Nuova, Lotta contro l’Emarginazione, Federconsumatori ed altre associazioni di rappresentanza di consumatori e utenti, Federserd (Federazione Italiana dei servizi delle Dipendenze), Coordinamento Dipendenze Milano, CNCA (Coordinamento comunità di accoglienza) Regionale, Ceas, AUSER Lombardia, Confcommercio

AZIONE 1: MAPPATURA territoriale e individuazione luoghi sensibili locali o sale gioco con installati AWP

Il Settore Commercio, coerente con quanto previsto dalla legge regionale n. 8/2013 relativamente alla competenza sui controlli relativi l’apertura di locali da destinare a sala da gioco o l’installazione nei locali di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito in violazione delle distanze previste, ha predisposto con il Comando della Polizia Locale la verifica dei locali nei quali sono collocati gli apparecchi da gioco, sulla base dell’elenco fornito dalla locale Direzione dell’AAMS. L’azione è volta a rilanciare una specifica indagine qualitativa territoriale che coinvolge cittadini volontari (peer researchers) in una “mappatura partecipata” al fine di rilevare “i rischi di zona” legate alle distanze dai luoghi sensibili (istituti scolastici di ogni ordine e grado, luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile e oratori), e alle tipologie di frequentazione. La mappatura riguarderà un campione (distribuito geograficamente in quattro macroaree) di esercizi commerciali su cui sperimentare nuove azioni no slot.

 

TARGET MOTIVAZIONE DELLA SCELTA
Popolazione totale

 

Secondo quanto segnalato dai SerD milanesi e da altri osservatori territoriali la domanda di aiuto da  parte di familiari e giocatori in difficoltà nell’ultimo anno è in crescita. I cittadini sensibili hanno un ruolo rilevante nella prevenzione del fenomeno.
Anziani

 

I dati segnalano una maggiore incidenza delle dipendenze da gioco d’azzardo nella popolazione anziana
Giovani

 

C’è una crescente diffusione dei siti e dei luoghi in cui i giovani possono imbattersi in scommesse o giochi d’azzardo
Gestori di pubblici esercizi

 

Aumentare le conoscenze e la consapevolezza dei gestori in merito ai danni che la dipendenza da gioco d’azzardo può generare.
Amministratori locali ed operatori dei servizi

 

I costi sociali della dipendenza da gioco sono in aumento come è in aumento il sistema di offerta di gioco, attraverso

l’aumento dell’accessibilità all’offerta. Amministratori e operatori di zona hanno un ruolo rilevante nella prevenzione del gioco d’azzardo patologico.

DECLINAZIONE DELL’AZIONE:

  1. Primo coinvolgimento di volontari e formazione di peer researchers (cittadini volontari e anziani) volta alla costituzione di un gruppo che implementi le azioni di rilevazione territoriale orientata alla mappatura al fine di soddisfare la necessità di campionamento e individuazione partecipata del sistema di offerta del gioco e dei luoghi sensibili del territorio di riferimento In particolare si possono individuare elementi formativi riguardanti la tipologia degli esercizi di gioco (puri, integrati, bar con awp e scracth card) oltre che modalità di osservazione con strumenti idonei
  2. Mappatura “partecipata” dei pubblici esercizi e delle sale gioco intesa anche come una ricerca-intervento volta a rilevare e definire i rischi e i costi sociali del GAP, da svolgersi attraverso: – una rilevazione “quali-quantitativa” dei luoghi di offerta del gioco vicini a luoghi sensibili (per macrozone, con 4 operatori, ovvero 1 operatore referente per macrozona, che agisce in collaborazione con peer-researchers forniti da soggetti della rete); – la somministrazione di strumenti qualitativi, questionari o focus group a soggetti-chiave già attivi o attivabili sul tema specifico – la restituzione dei dati raccolti e la definizione condivisa di possibili linee guida per la

pianificazione la programmazione di interventi per il futuro.

  1. Mappatura del rischio sociale : un operatore territoriale e alcuni gruppi di peer-researchers rivestono un ruolo di riferimento sul territorio e promuovono percorsi territoriali, quali:
  2. interazione gestori degli esercizi autorizzati per integrare eventuali costi sociali, richieste di supporto e aiuto
  3. sviluppo di azioni di rete con comitati di quartiere e associazioni territoriali che fungono da
  4. “antenne” rispetto al ricevimento di segnalazioni e richieste di aiuto dai giocatori con promozione
  5. di azioni protettive
  6. orientamento e invio agli sportelli dedicati sul territorio (front office dei servizi sociali dei comuni) e ai servizi di presa in carico trattamentale (dipartimento dipendenze per pertinenza vedi L.R. 8/2013)
  7. segnalazione di situazioni critiche eventuali, per affinamento della mappatura.

 

INDICATORI DI EFFICACIA

Numero di percorsi di rilevazione partecipata attivati: almeno uno per macrozona. Questo dato costituisce un effettivo indicatore di attivazione del progetto in efficaci azioni di osservazione diretta e relativa rilevazione quali-quantitativa

Numero di esercizi mappati: Questo dato rappresenta un elemento quantitativo che potenzialmente introduce a quali soggetti si indirizzano possibili azioni “no-slot”.

Numero di luoghi sensibili mappati: questo dato in relazione a i luoghi di gioco rilevati in relazione alla distanza conterrà l’indicazione di quanto siano rispettate le distanza minime dai luoghi di gioco, e permetterà inoltre di identificare ulteriori luoghi sensibili.

 

 AZIONE 2: “AZIONI NO SLOT” incentivanti per gli esercenti di pubblici esercizi che scelgono di non installare o di dismettere apparecchiature per il gioco d’azzardo lecito

L’azione si propone di rafforzare la strategia “di comunità” potenzialmente attivabile riguardo l’efficacia della normativa nel dissuadere l’installazione di nuovi locali e macchinette e nel motivare i gestori alla rinuncia alle installazioni attualmente presenti nelle nostre città, avvalendosi anche di strumenti promozionali dei locali virtuosi (eventi che diano visibilità agli esercizi azzardo-free, coprogettati e raccordati con gli altri progetti presenti in città, ovvero nelle scuole, nelle parrocchie, nei centri di ascolto etc). Ci si prefigge infatti di strutturare pacchetti informativi costituiti da materiali con obiettivi di utilizzo diverso, all’interno di un processo più ampio di “Certificazione partecipata” dei gestori virtuosi.

TARGET MOTIVAZIONE DELLA SCELTA
Gestori pubblici esercizi Un campione dei pubblici esercizi

mappati (10 circa per macrozona)

verrà coinvolto in proposte

sperimentali di attivazione (azioni

no slot)

Operatori dei servizi pubblici e privati Identificazione e analisi delle forme

di agevolazione possibili per gli

esercenti NO SLOT

Promozione degli esercenti virtuosi

all’interno di eventi ad hoc, in cui

viene data evidenza pubblica del

marchio NOSLOT

 

DECLINAZIONE DELLE AZIONI:

  1. Disseminazione di materiali promozionali-informativi sui locali e sulle iniziative NO Slot in un campione di esercizi commerciali, in connessione con gli esiti dell’azione di mappatura. Ci si prefigge infatti di strutturare pacchetti informativi costituiti da materiali con obiettivi di utilizzo diverso, all’interno di un processo più ampio di “Certificazione partecipata” dei gestori virtuosi.
  2. Percorso con un gruppo di gestori e con gli amministratori locali (Assessorato al Commercio, alla Sicurezza e Coesione, alle Politiche Sociali) utile a raccogliere ed evidenziare:
  • i vantaggi/svantaggi delle agevolazioni in atto (es. sgravi Irap) e identificazione delle agevolazioni ulteriori che si potrebbero prevedere ad hoc su concessione del Comune (ad es. Tari, tassa sui rifiuti; Agiap tassa sulle affissioni; sgravi sul plateatico…etc)
  • i dati sui costi sociali che pesano sulle comunità derivanti dal gioco d’azzardo patologico. Si cercherà sia di offrire uno spaccato delle ricadute sociali in generale del problema del Gap, sia di offrire dati puntuali sulla situazione cittadina in connessione con l’azione di mappatura che si dà anche l’obiettivo di raccogliere dati sui costi sociali, indagando nei luoghi in cui le ricadute economiche della dipendenza da gioco vanno ad impattare (centri d’ascolto caritas, assistenti sociali comunali…)
  1. Eventi di restituzione La realizzazione di incontri di restituzione di questa fase sono da riferirsi alla necessità di implementare delle azioni dirette di informazione sul percorso attivato, atte ad aumentare le forme di raccordo nell’operare di centri di ascolto, luoghi trattamentali pubblici e privati e istituzioni. Si tratta di realizzare incontri di restituzione che evidenzino gli esiti del percorso di mappatura, al fine di produrre maggior consapevolezza sulle caratteristiche dei luoghi campionati in termini di presenza dell’offerta del sistema gioco d’azzardo e sue correlazioni con i luoghi sensibili. Non meno importante in questa fase, come nella precedente sarà evidenziare in modo esemplificativo i costi sociali del gioco d’azzardo, indagati nei luoghi in cui le ricadute economiche della dipendenza da gioco vanno ad impattare.

INDICATORI DI EFFICACIA

Numero di esercizi coinvolti/contattati: pur essendo un dato prettamente quantitativo, indica su quanti luoghi si è prodotta l’azione incentivante “azzardo free”

Numero di misure incentivanti analizzate/identificate Questo indicatore permette di misurare la possibile “penetrazione” e applicabilità delle azioni sperimentali svolte

Numero di luoghi in cui viene distribuito il materiali informativo/realizzato incontro informativo. L’esigenza è quella di misurare quanto l’azione informativa sia stata diffusa

Numero di eventi coprogettati/realizzati: gli eventi/incontri di restituzione realizzati, costituiscono una misurazione di quante azioni si siano svolta per produrre diffusione nel territorio

PER PARTECIPARE ALLA MAPPATURA, E PER SEGNALAZIONI:

TELEFONARE A: 02/84894051