GAP News

In Lombardia siamo secondi: ma non è una bella notizia

Siamo secondi nel gioco d’azzardo.

Su una raccolta totale del gioco d’azzardo in Italia di oltre 74 miliardi di euro la Lombardia tocca quota 14 miliardi. Una cifra che mette la Regione,  al secondo posto come spesa pro capite finita in giochi e scommesse. 

Dati AST – Milano

Ha detto Gatti che a Milano abbiamo stimato che  potrebbero essere circa 20 mila le persone in situazione di gioco d’azzardo patologico e noi ne abbiamo intercettati appena un migliaio. Ma fosse arrivata anche solo la metà di quei ventimila, il sistema sarebbe saltato». Il riferimento è al fondo a disposizione delle Regioni per la cura dei giocatori patologici, non ancora nelle casse degli enti ma già ridotto del 10 per cento, e a quelle «leggi finanziarie — ha concluso Gatti — che ogni anno dicono che poco per volta il personale va ridotto rendendolo anche sempre più precario».

E se da una parte l’aspetto sanitario, nonostante l’introduzione del gioco d’azzardo patologico all’interno dei livelli essenziali di assistenza (Lea), preoccupa ancora gli operatori, non va meglio dal punto di vista della filiera tutt’oggi troppo esposta agli appetiti della criminalità organizzata.

Non mancano però gli esempi positivi come quello di Pavia che dopo essersi aggiudicata la prima pagina del New York Times con la definizione di Las Vegas d’Italia ha ridotto la spesa procapite dai 1.600 euro del 2013 agli attuali 1.093. Frutto di una campagna di sensibilizzazione e di restrizione degli orari del gioco, che hanno però portato a un aumento delle giocate nei comuni limitrofi, oggi al lavoro con Pavia per far approvare un regolamento sovracomunale»

 

Estratto dal Corriere 

 

 

L'Autore

Milano NoSlot

Milano NoSlot

Milano NoSlot
Prima rete di Associazioni NoSlot, coordinata dal Comune di Milano